SECONDA PROVA INTERMEDIA

Lunedì 24 gennaio 2005 si svolgerà la seconda prova intermedia con le seguenti modalità: – ORE 14.30: Studenti con iniziale del cognome A-L – ORE 16.30: Studenti con iniziale del cognome M-Z Si ricorda che è necessario presentarsi muniti di libretto e documento di identità. NB: Per motivi organizzativi, la registrazione dei voti avverrà, in occasione degli appelli d’esame, con le seguenti modalità: Lunedì 31 gennaio 2005: Studenti con iniziale del cognome A-L. Lunedì 14 febbraio 2005: Studenti con iniziale del cognome M-Z.

FRANCESCO PRIMATICCIO ARCHITETTO

If you need a break from the world of architecture, use your phone
and go to www.mobile-casinos.ca for some relaxing fun.
Lunedì 14 marzo 2005 ore 17,00 
Sala delle Assemblee 
Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna 
Via Farini, 15 
Francesco Primaticcio Architetto a cura di Sabine Frommel, Edizioni Electa 
Ne parleranno con l’autore 
Cesare De Seta 
Anna Maria Matteucci 
Claudia Conforti 
Presiede Fabio Roversi-Monaco

LE CORBUSIER L’ARCHITETTO E I SUOI LIBRI

19 marzo 2005, ore 18
Spazio espositivo dell’Archivio Biblioteca Arte Contemporanea
Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci di Prato

vernice della mostra
LE CORBUSIER L’architetto e i suoi libri
a cura di Catherine de Smet
La mostra resterà aperta fino al 29 maggio, dal lunedì al venerdì, ore 12-19

CASERMA CHIAFFREDO BERGIA


Cesare Bazzani

Committente Ministero Lavori Pubblici
Ubicazione Lungomare Nazario Sauro, 41-45 – Bari
Datazione progetto 1932
N° di particella catastale, foglio di mappa, eventuale numero di riferimento archivio Ornato

Foglio 98, particelle 41, 42, 43
Attuale proprietario

Demanio civile
Destinazione d’uso originaria Comando di Legione e Caserma dei Reali Carabinieri
Destinazione d’uso attuale Sede del Comando Carabinieri Regione Puglia
Trasformazioni nel tempo 1945 – 1947 lavori di restauro
Anni 50: costruzione delle palazzine Monsignore e Ugolini su via Dalmazia per ospitare la nuova VIII Brigata istituita nel 1956

1959: demolizione del masso a protezione del rifugio antiaereo

Stato di conservazione Conservato
Archivi grafici e fotografici • Archivio di Stato di Bari

Da una ricerca condotta dall’arma dei Carabinieri nei documenti presenti all’archivio di Stato sono reperibili

– disegni dei prospetti esterni
– una planimetria d’insieme
– progetto del piazzale per la trasformazione da maneggio a giardino
– minuta del decreto ministeriale di approvazione
– minuta del contratto per l’esecuzione dei lavori appaltati

alla voce riguardante la Caserma Bergia rispondono i seguenti documenti secretati

– Genio civile, busta 192, fascicolo 496, busta 550, fascicolo 1283, (1932-1935 costruzione edificio per Comando di Legione e caserma RR.CC.)
– Genio civile, busta 547, fascicolo 1257 (1935 -1936 completamento legione Caserma RR.CC.)
– Genio civile, busta 2978 (lavori di manutenzione impianti riscaldamento)
– Genio civile, busta 584, fascicolo 1384 (1933- 1935 Comando di Legione Caserma RR.CC.)
– Genio civile, busta 593, fascicolo 1417 (1935 – 1938 Sistemazione caserma)
– Genio civile, busta 740, fascicolo 2012, (1934 – 1936 completamento sede)
– Genio civile, busta 748, fascicolo 2054, (Comando RR.CC.)
– Genio civile, busta 769, fascicolo 2142, (1933 – 1935, lavori di completamento)
– Genio civile, busta 771, fascicolo 2164, (lavori di completamento)
– Genio civile, busta 792, fascicolo 2256, (costruzione caserma)
– Genio civile, busta 767, fascicolo 2132, (1941 – 1946 lavori di manutenzione) 
– Genio civile, busta 767, fascicolo 2133, (1943 – 1945) 
– Genio civile, busta 767, fascicolo 2135, (1941 – 1943, costruzione ricovero antiaereo) 
– Genio civile, busta 720, fascicolo 1905, (1933 – 1936, lavori di sistemazione) 
– Genio civile, busta 721, fascicolo 1906, (1933 – 1940, lavori di sistemazione)
– Genio civile, busta 744, fascicolo 2034, (1933 – 1941, lavori di sistemazione)
– Genio civile, busta 557, fascicolo 1300, (1943 – 1948, lavori di sistemazione)
– Genio civile, busta 599, fascicolo 1434, (1943 – 1945, lavori di ordinaria manutenzione)
– Genio civile, busta 635, fascicolo 1579, (1944 – 1950, lavori di sistemazione)
– Genio civile, busta 643, fascicolo 1603, (1940 – 1942, lavori di ordinaria manutenzione)
– Genio civile, busta 644, fascicolo 1606, (1946 – 1948, lavori di ordinaria manutenzione)
– Genio civile, busta 657, fascicolo 1658, (1943, rimozione statue in bronzo)
– Genio civile, busta 657, fascicolo 1660, (1945 – 1947, lavori di restauro)
– Genio civile, busta 657, fascicolo 1663, (1944 – 1949, lavori di sistemazione)
– Genio civile, busta 690, fascicolo 1755, (1942 – 1946, lavori di sistemazione)
– Genio civile, buste 1786, 1787, 1790, 2976, 715 (fascicolo 1879), 2594, 2599, 2632, 2643, 2645, 2651, 2663, 2664, 2666, 2786, 2835, 1179, 1494, 1764, 1768 (lavori di manutenzione)
– Genio civile, buste 1808, 1809, 1810, 1813, 1814, 1818, 1854, 2652 (lavori di straordinaria manutenzione) 
– Genio civile, busta 597, fascicolo 1424, 1247 (lavori di sistemazione)
– Genio civile, buste 2597, 2598, 2665, 1178 (lavori di riparazioni)
– Genio civile, buste 2662, 1214, 1365, 1418, 1566, 1567, 1295 (danni bellici)
– Genio civile, busta 2928 (1968: gara d’appalto)
– Genio civile, busta 1611 (riparazione impianto elettrico)
– Genio civile, busta 1614 (demolizione rifugio antiaereo)
– Genio civile, busta 1616 (gara d’appalto)
– Genio civile, busta 2113 (1959, demolizione del masso a protezione del rifugio antiaereo)
– Genio civile, busta 2978 (lavori di manutenzione impianti riscaldamento)
– Genio civile, buste 3006, 3010 (danni bellici, riparazione caserma)
– Genio civile, busta 3218 (1966 gara d’appalto)
– Genio civile, busta 3294 (1958: riparazione coperture ed opere annesse)

• Archivio del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti
– Prospetti autografi di Cesare Bazzani

• Archivio caserma Bergia
– Fotografie d’epoca, documentazione varia sulla costruzione dell’edificio

Bibliografia essenziale A. COLONNA, Architetture a Bari nel ventennio fascista, Capone, Lecce, 1997

G. CONSOLI, Note Biografiche. Cesare Bazzani, in G. GRESLERI, P.G. MASSARETTI, Architettura italiana d’oltremare 1870-1940, Marsilio, Venezia, 1993

S. LICCI, Nei secoli presente: le caserme dell’arma, Ente editoriale per l’arma dei carabinieri, Roma, 1992

M. SCIONTI, Tecnici e Architettura, in: Bari Moderna 1790-1990; «Storia della città» n. 51, Electa, Milano, [1990]

M. GIORGINI, V. TOCCHI, Cesare Bazzani: un Accademico d’Italia, Electa, Editori umbri associati, Perugia, 1988

A. COLONNA, M. LASTILLA, (a cura di), Storia e cultura di una città: edifici pubblici a Bari 1900-1950. Unione tipografica, Bari, 1987

Curatori della scheda Virginia Stasi
Revisore della scheda Francesco Paolo Gismondi
Scheda inserita con il contributo del Comune di Bari – Assesorato alle Culture, Religioni, Pari Opportunità, Comunicazione e Marketing Territoriale – Museo Storico Civico

SCHEDATURE BARI NOVECENTO

After a tedious day structuring buildings, you can start making money immediately by playing casino games at http://pocketcasino.ca/mobile-blackjack/. You could win money.
Il prof. Giovanni Leoni, titolare del Corso di Storia dell’Architettura Contemporanea della Facoltà di Architettura di Bari, ha siglato un accordo con il Comune di Bari, e in particolare con l’Assessorato alla Cultura condotto da Nicola Laforgia, in relazione alle schedature di edifici del Novecento eseguite dagli studenti del Corso negli anni passati. 
L’accordo prevede la cessione di ottanta schede che, grazie al contributo del Comune, verranno redazionate e collocate sul sito www.archistoria.it.
Il Comune si è impegnato a fare di tali schede un uso legato alla valorizzazione e, soprattutto, alla tutela degli edifici censiti. 
Le schede revisionate, di cui risulteranno autori nominalmente gli studenti del corso compilatori delle stesse, saranno anche alla base di una pubblicazione a stampa che verrà distribuita gratuitamente alla cittadinanza.

PALAZZO FIONE SAPONARO

Committente Vito Fione, Carlo Saponaro
Ubicazione Via Bozzi angolo Via XXIV Maggio – Bari
Datazione progetto 1925
N° di particella catastale, foglio di mappa, eventuale numero di riferimento archivio Ornato

Foglio 97, particella 46
Attuale proprietario

Famiglia Saponaro 
Destinazione d’uso originaria Residenziale
Destinazione d’uso attuale Residenziale
Trasformazioni nel tempo Nessuna
Stato di conservazione Conservato
Archivi grafici e fotografici • Archivio di Stato di Bari

– Comune di Bari, Ufficio Tecnico, busta 20 (disegni relativi alla distribuzione planimetrica)

Bibliografia essenziale F. BOTTA, S. DISTASO, A. ROSSANO, Bari ‘900, Laterza, Roma – Bari, 1987

L. SEMERARI, Una vicenda urbana. L’architettura a Bari dal 1900 al 1930, Schena, Fasano, 1990

Curatori della scheda Donatella Chieco
Revisore della scheda Francesco Gismondi
Scheda inserita con il contributo del Comune di Bari – Assesorato alle Culture, Religioni, Pari Opportunità, Comunicazione e Marketing Territoriale – Museo Storico Civico

EX-CARTIERA GALVANI A VITTORIO VENETO

Un concorso per studenti a Vittorio Veneto 
Concorso internazionale di idee architettoniche per individuare la nuova destinazione dell’ex cartiera galvani a Vittorio Veneto (TV). 
Gestito da La Sterpaia: “Bottega dell’arte della comunicazione moderna”, fondata e diretta da Oliviero Toscani con sede nella Tenuta di S.Rossore a Pisa.
Il concorso è curato da Pietro Carlo Pellegrini, pubblicizzato da Segesta, Costruire, Case da Abitare, Abitare e promosso dalla Brandolin Dottor Group, proprietario del complesso immobiliare. 
Il concorso internazionale è riservato a tutti gli studenti iscritti alle facoltà e scuole di architettura, arte e design.
Per maggiori informazioni e bando del concorso

CURRICULUM DI STANLEY HALLET

Stanley Hallet

Former Dean of the School of Architecture and Planning at The Catholic University of America (CUA) in Washington, DC, Stanley Ira Hallet, FAIA, is currently a Professor of Architecture at CUA where he teaches undergraduate and graduate studios and seminars exploring the historic and contemporary relationships between culture and architecture. Given his early experiences in Tunisia as a Peace Corp Volunteer (1964-66) and in Afghanistan as a Fulbright-Hayes Lecturer at the University of Kabul (1972), his studio work and lectures often explore the Islamic issues of landscape, urban fabric and sacred space. Basing his observations on both research as well as personal experience, he offers seminars and studios addressing the relationship of cinema and architecture and has produced several award winning documentary films with his wife, Judith Dwan Hallet, an internationally recognized documentary film maker. He has lectured widely on these subjects in both the United States and Europe and his observations have appeared in major international and national journals of architecture such as Architectural Record, Architecture Plus, Faith and Form, the Journal of Architectural Education, Ekistics and IBLA, The Revue de l’Institute des Belles Lettres Arabe-CNRS. His book, The Traditional Architecture of Afghanistan, was co-authored with Rafi Samizay and published by Garland Press. He is presently working on a second book titled Architecture and the Moving Image. Recognized as a Fellow of the American Institute of Architects for his contributions to both architecture and architectural education, he is a registered architect whose work has been distinguished with 12 AIA design awards. Most recently, he received a 25-year design award given by the Utah Chapter of the American Institute of Architects for the Quad Project. His own house, a 1998 recipient of a Washingtonian/DC AIA Chapter design award, was just published in the Italian Journal Il Projeto and the American Journal Residential Architect. A finalist in the international competition for the Washington DC Metro Canopy Competition, his proposal was just reviewed in Cityscape by architectural critic, Benjamin Forgey of the Washington Post. Graduating from the Massachusetts Institute of Technology with a Bachelor of Architecture in 1964 and a Master of Architecture in 1967, he taught for over fifteen years at the University of Utah in Salt Lake City, Utah and 16 years at the Catholic University of America. He has participated on numerous architectural juries in the academy as well as in the profession, both in the United States, Italy, France and Israel.